Liguria – Nuovo sistema di allerta meteo

E’ l’ultima regione ad adottare il sistema di colori simili a quelli dei semafori. Per i temporali un allerta separata.

Dal 15 ottobre 2015, la Liguria passa al SISTEMA DI ALLERTAMENTO A COLORI per il rischio idrogeologico e idraulico e il rischio nivologico, come previsto dalla Delibera di Giunta Regionale 1157 del 05/10/2015.

In occasione di PRECIPITAZIONI – PIOGGE DIFFUSE O NEVE – entreranno in vigore i nuovi codici colore, associati al livello di criticita’ al suolo:

 

 

Fra le novita’ di questo sistema, l’ introduzione dell’ ALLERTA PER TEMPORALI, fenomeni meteo dallo sviluppo rapido, su un’estensione limitata, dall’evoluzione irregolare, tuttavia talvolta molto intensi, dagli effetti potenzialmente devastanti.

Per le loro caratteristiche, sono affetti da scarsa predicibilita’ in termini di localizzazione, durata e intensita’: ad oggi i modelli meteo permettono di prevedere condizioni favorevoli al loro sviluppo e probabilita’ piu’ o meno alta che si verifichino.

Anche per questo motivo l’allerta per temporali avra’ al massimo il colore arancione; ciononostante, bisognera’ prestare la massima attenzione in occasione di fenomeni molto intensi e stazionari a lungo sulla stessa area.

 

 

L’ALLERTA e’ lo strumento di segnalazione preventiva di possibili eventi meteo potenzialmente pericolosi; fa si che i soggetti istituzionali verifichino la propria capacita’ di intervento in caso di necessita’ e adottino quelle misure di protezione preventive laddove ritenuto necessario, come previsto nei piani di protezione civile.

Viene diramata con un anticipo di 12-24 ore rispetto all’inizio previsto dei fenomeni, soltanto al raggiungimento di certi valori di previsione.

Il sito www.allertaliguria.gov.it riporta le informazioni ufficiali sulla durata dell’allerta e le zone interessate; per tutte le misure locali e’ opportuno fare riferimento a quanto disposto dal proprio Comune, struttura di protezione civile di riferimento per il singolo cittadino.

Per tutte le informazioni e gli approfondimenti clicca qui